O SI CAMBIA O SI MUORE!

Da quanto riscontrato nel corso dello scrutinio delle trascorse elezioni europee, sulle schede elettorali si è potuto notare che i votanti che hanno espresso maggiori preferenze sono stati gli elettori della LEGA e del PD. 
Quelli del M5S, invece, continuano a votare prevalentemente il simbolo:
– perchè sono ininfluenti rispetto al programma che nel M5S ha sempre avuto la priorità?
– perchè i relativi candidati non sono appoggiati da un’adeguata rete territoriale? 
– perchè non sono graditi?

I risultati, decretano, ancora una volta, la vittoria dell’astensionismo che ha raggiunto il suo picco storico con il 44% (nel 2014 si era fermato al 41,3%).
L’italiano medio, purtroppo, continua a vedere l’Europa come un soggetto ostile e invece di andare a votare per cercare di cambiarla dall’interno, eleggendo politici possibilmente giovani, motivati, preparati e credibili, preferisce starsene a casa facendo un danno a se stesso e alle nuove generazioni.

Ma cosa ci dicono i risultati elettorali?

Che la LEGA con la sua becera propaganda omnidirezionale, priva di contenuti reali, ha sbancato e sta continuando a fagocitare Forza Italia, ma non solo, favorito da una invasiva campagna mediatica.

Il PD, puntellato dalla lista Calenda, riprende fiato rispetto alle nazionali del 2018 con il 22,69%, anche grazie a quel suo elettorato che, allontanato dall’effetto Renzi, era approdato al M5S. Elettori ora recuperati, certamente non grazie a Zingaretti ma, verosimilmente, perchè in un anno di governo il M5S si è dimostrato tiepido sul fronte scuola e cultura ma, soprattutto, è stato considerato colpevole di aver salvato Salvini dal Tribunale dei Ministri. Tuttavia, il PD è lontanissimo dal 40% delle europee 2014 e, dunque, farebbe bene a “stare sereno”.

Il M5S, che alle europee del 2014 aveva ottenuto il 21,16%, ha preso il 17,08% e, nonostante la grande sberla ricevuta rispetto alle nazionali dell’anno scorso, perde il 4% rimanendo, nonostante tutto, il primo partito al sud e nelle isole.

Il FRITTO MISTO (ovvero tutti gli altri partiti che non hanno superato la soglia di sbarramento) ha drenato circa il 10% di consensi, un voto inutile di cui, circa 1/5, ex M5S.

Un disastro annunciato da più parti e l’area di quello sarebbe stato si è respirata nel corso dell’assemblea regionale del M5S, tenutasi il 5 maggio a Roma, dove è stato lanciato un forte e chiaro urlo di sofferenza dalla maggioranza degli attivisti (superstiti) della regione Lazio, ovvero un univoco messaggio: “non siamo utili idioti da sfruttare soprattutto in campagna elettorale!”.

Il danno provocato ai territori, dallo scollamento tra vertice e base, dalle autolesionistiche mancate certificazioni amministrative, dall’isolamento e frustrazione dei portavoce locali e dalla scarsa comunicazione, non sarà facilmente sanabile nel breve termine e la diretta conseguenza di ciò si è percepita in una campagna elettorale fiacca, quasi impalpabile, dove, rispetto al passato, si sono visti pochissimi gazebo a 5 stelle nelle piazze ed i pochi comizi organizzati erano partecipati giusto da pochi attivisti e ancor meno simpatizzanti.


Ma quando si riceve una “sberla” c’è sempre un motivo che deve essere capito, metabolizzato e capitalizzato per migliorare e non ricommettere gli errori compiuti.

La fiammella della speranza per una possibile ricucitura, un’auspicata ripartenza che, tuttavia, non potrà prescindere dal “recall” di quei portavoce ritenuti dalla base indegni di ricoprire il mandato a loro affidato, è ancora accesa!

Il M5S o cambia o muore e per ripartire dovrà:
– tornare sui territori;
– stimolare il confronto;
– essere originale;
– evitare di scimmiottare gli altri partiti;
– coinvolgere maggiormente i giovani;
– scrollarsi da dosso arrivisti e fanatici;
– smettere di parlare a se stesso pensando di essere sempre il primo della classe;
– espellere quei portavoce autoreferenziali che, soprattutto a Latina, non hanno dato alcun contributo alle già poco efficaci iniziative elettorali che, come si prevedeva, non sono riuscite, minimamente, a coinvolgere i cittadini rispetto al 2014 (vds, le differenze nella sottostante fotografia).

Mentre a Latina, per impedire che nel 2021 la vecchia “para” destra travestita da LEGA torni a governare la città dopo un ventennio di sfaceli, si dovrà cercare di costituire una lista M5S che, sulla base di un programma condiviso, si apra ad un’alleanza civica trasversale.

P.S. DEL GORETTI DA “CODICE ROSSO”

Santa Maria Goretti, ennesima segnalazione di disagio da parte di una cittadina di Latina indignata:
=====
“Una volta lamentarsi del pronto soccorso era semplicemente un passatempo.
Oggi devo riconoscere che davvero c’è da preoccuparsi. Ieri ho visto una camera con 20 persone su barelle a distanza di 30 cm una dall’altra… uomini e donne insieme, corridoi pieni, sala d’attesa invasa.
Ormai il pronto soccorso è diventato un reparto in cui si staziona per giorni.
Con la differenza che ci sono 4 bagni in tutto per decine di persone… Non ci si può lavare.
Non c’è posto per tenere le proprie cose.
Preso atto dell’effetto delle politiche sulla sanità iniziate anni e anni fa credo che si debba fare qualcosa. Manifestiamo, incazziamoci, facciamoci vedere.”
=====
Cara concittadina,
la situazione è ben nota poiché è stata più volte denunciata:
– dagli sventurati che l’hanno vissuta;
– da una politica ipocrita che si batte il petto ma che, ad oggi, non ha ancora saputo trovare una valida soluzione;
– dai giornali cartacei e on line che ci ritornano ciclicamente da anni;
– da Striscia la Notizia che il 15 marzo u.s. ci ha dedicato pure un servizio.

A questa situazione di degrado e privazione della dignità personale (nonostante gli encomiabili sforzi del personale sanitario che, quotidianamente, cerca di dare il meglio di se in situazioni al limite della resistenza psicologica) si aggiunge l’abuso di chi pensa che un Pronto Soccorso sia un Hospice per anziani o una buona soluzione per fare check up gratuiti a carico della sanità pubblica.
Insomma, un girone infernale a cui si aggiunge, di massima, l’italica disonestà (basti pensare all’ultimo caso denunciato da un interno, relativo alle doppie liste d’attesa in essere presso il policlinico di Tor Vergata).
Tuttavia bisogna essere realistici, le poche risorse economiche ed umane impegnate per la sanità laziale, ancora commissariata per via dell’enorme debito accumulato dalle vecchie gestioni politico amministrative di centro sinistra e centro destra, non potranno riuscire, almeno nel breve termine, ad invertire questa triste tendenza.
L’indirizzo occulto è chiaro, costringere i cittadini a rivolgersi alle strutture private che, per anni, sono state politicamente agevolate a detrimento di quelle pubbliche.
Ma il cittadino di Latina, allora, cosa può fare?

Ebbene, nell’immediato, stante la situazione descritta, in caso di necessità, ci si può dare solo al pellegrinaggio sanitario o, nei casi più gravi, consultare on line il sito della regione (sperando che sia aggiornato real time) relativo agli accessi ai vari PS regionali e, dunque, dirigersi in quello meno congestionato… https://www.regione.lazio.it/accessiprontosoccorso/… (ancora adesso, come si evince dal medesimo sito, il P.S. del Goretti risulta tra i più affollati della regione Lazio)
Per il resto, si potrebbe organizzare un flash mob, un esposto, ecc. ma ciò, oltre a strappare un articolo di giornale o la speculazione di qualche mestierante della politica, non si otterrebbe nulla di più.
Il problema della sanità è noto da tempo, ovvero l’ingerenza di quella politica che sulla sanità ci campa (per soddisfare le esigenze delle proprie clientele elettorali), gli sprechi e la mala gestione amministrativa.
=====
Riferimenti:
https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/28/policlinico-tor-vergata-liste-dattesa-la-ministra-grillo-chiede-uninformativa-alla-regione-il-primario-sono-fake-news/5140504/

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/27/tor-vergata-in-cardiologia-doppia-lista-per-ricoveri-primario-da-la-priorita-a-chi-vuole-tra-i-favoriti-ce-stato-dellutri/5120957/

https://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/la-situazione-del-pronto-soccorso-di-latina_45595.shtml

LE NOSTRE PROPOSTE SU ROUSSEAU

Il Movimento è in continua evoluzione ed i vari cambiamenti, a volte, non sono stati graditi dagli attivisti e simpatizzanti. Alcuni hanno abbandonato altri ancora ci credono convinti che, nonostante tutto, non vi sia altra proposta politica più credibile.
Dunque, nell’ottica della partecipazione e dell’idea che dalla base possano pervenire le proposte più interessanti per migliorare il movimento, il nostro gruppo non si è tirato indietro alla richiesta di input per la riorganizzazione territoriale del M5S.
Per questo motivo, sulla piattaforma Rousseau, è stata depositata la seguente proposta:

– Tutti i meetup esistenti possono utilizzare i simboli dei 5stelle
– Il rapporto con le liste civiche sia avviato soltanto nelle città in cui vi è presenza di meetup multipli, evitando di far salire sul carro del MoVimento arrivisti o riciclati di altri partiti.
-Stop alla certificazione: Devono essere gli attivisti sul territorio a scegliere, nel caso in cui ci siano più gruppi in una sola città, tramite una votazione locale sulla Piattaforma Rousseau quale debba essere il gruppo ad avere il simbolo e il candidato sindaco.
-i gruppi sconfitti possono essere considerati “Civiche a 5stelle” poichè essendo gli stessi iscritti al Mov, hanno già accettato lo Statuto e di conseguenza il Codice Etico. Le Civiche a 5stelle potranno quindi entrare in un’ampia coalzione, ma soltanto per le comunali.
– Le primarie comunali devono essere libere da ingerenze ed endorsment da parte dei portavoce, e devono avere svolgimento almeno con 6 mesi di anticipo rispetto alle elezioni comunali.

BASTONATA A 5 STELLE!

Bastonata a 5 Stelle!
… a quelli che, ma il voto di scambio;
… a quelli che, ma la legge elettorale;
… a quelli che, ma siamo il primo partito;
… a quelli che, “honestà”;
… a quelli che, “uno vale uno”;
… a quelli che, “non abbiamo ne capi ne padroni”;
… a quelli che, “non siamo un partito, non siamo una casta”;
… a quelli che, il nostro è un servizio civile non un mestiere;
… a quelli che, ieri restituivano e oggi incassano;
… a quelli che, ma nel 2014 non ci siamo presentati;
… a quelli che, meglio un selfie che l’attivismo;
… a quelli che, sono portavoce ma si sentono unti dal Signore;
… a quelli che, una volta eletti sono spariti dai territori;
… a quelli che, seminano per il proprio esclusivo interesse;
… a quelli che, salviamo Salvini o cade il Governo;
… a quelli che, in alto i cuori a prescindere;
… a quelli che, sono privi di spirito critico;
… a quelli che, poteva andare peggio;
… a quelli che, il movimento scoppia di salute;
… a quelli che, ora stanno comodi al calduccio negli alberghi e non vogliono tornare dietro un banchetto o in piazza;
… a quelli che, vinceremo noi;
… a quelli che, vinceremo poi;
… a quelli che, trovano mille scuse per non guardarsi allo specchio;
… a quelli che, hanno imparato a mentire a loro stessi;
… a quelli che, non si mettono mai in discussione;
… a quelli che, gné gné gné;
… abbiamo ricevuto una sberla peggiore delle più pessimistiche previsioni!
Bene!
Servono anche quelle per far tornare con i piedi a terra chi, per troppo tempo, ha tenuto la testa tra le stelle e usato la bocca per diffondere noiosa retorica e slogan.
Questo ennesimo “scivolone” dovrebbe indurvi al silenzio, all’umiltà, alla profonda riflessione.
Se veramente ci tenete al movimento che i cittadini e una base sempre più disorienta ha fatto arrivare al governo… solo ripartendo dal basso, puntando sulla trasparenza, sulla meritocrazia, sullo studio delle tematiche locali, sulla denuncia, sulla proposta, sul confronto libero e paritario, sulla democrazia diretta senza limiti, il M5S potrà tornare ad essere credibile e vincente sui territori.
Se, invece, i relativi vertici si limiteranno ad ufficializzare dei referenti, con il rischio di dare vita a capi-bastone e relative cordate … il suo destino è segnato!

OGNI COMPROMESSO HA UN LIMITE!

Salvini, rinnegando se stesso e cambiando idea, senza avvertire preventivamente il suo partner di governo, ha voluto incastrare il M5S, nel tentativo di costringerlo a snaturare se stesso e spaccare il proprio elettorato, e c’è riuscito!

Salvini è una vecchia “locusta” politica e come tale agisce nell’interesse esclusivo del proprio partito, dei propri “stakeholder” e non certo della nazione. Infatti, la Lega sta raggiungendo l’obiettivo di minare l’unità d’Italia attraverso l’autonomia di solo alcune regioni settentrionali, a danno delle altre che si vedranno drenare ulteriori risorse.

La Lega, dal contratto con il M5S, ha ottenuto più spazio di manovra e potere di quanto il M5S avrebbe dovuto concedergli, in particolare per la differenza di consensi ottenuti alle politiche del 2018. Ciò ha permesso a Salvini di saturare gli spazi mediatici e di esaltare le tematiche più becere finalizzate ad ottenere maggiore consenso a danno dei propri alleati storici di Centro Destra ma non solo.

Salvini, in definitiva, sta cercando la rottura con il M5S ma la vuole imputare ai pentastellati e anche se supererà questo scoglio, dopo il risultato delle elezioni regionali in Sardegna ed europee, troverà un altro modo per staccare la spina al governo giallo-verde ovvero alzando continuamente la posta.

Siamo arrivati al capolinea, ed il medico pietoso fa solo la piaga puzzolente.

Ma perchè Di Maio ed il suo “Politburo”, non vogliono assumersi la responsabilità di una scelta politica in linea con i valori fondativi del M5S?

Perché questa chiamata al “voto” della base pentastellata che sembra più una mossa in extremis alla Ponzio Pilato, tanto più che in altre vicende interne al M5S la base non è stata quasi mai interpellata (ad esempio la selezione tra più liste civiche antagoniste in cerca di certificazione per le elezioni amministrative)?

Perché si sta cercando una legittimazione dalla propria base per derogare su uno dei principi cardine del M5S, ovvero nessuno è al di sopra della legge e della Costituzione italiana?

Se la risposta è “perché hanno paura di far cadere il Governo” ritengo che è solo questione di tempo poichè cadrà comunque, ed il fatto che Salvini dopo le elezioni in Abruzzo abbia fatto capire che l’esecutivo “deve stare sereno” è una evidenza nello stile Renzi.

Se, invece, non cadrà sarà solo perchè il M5S si sarà appiattito sulle posizioni della Lega. A questo punto, basta, poichè a prescindere dall’esito del voto sulla piattaforma Rousseau, ci sarà comunque un’ulteriore perdita di consenso per il M5S.
Allora, è meglio affondare con dignità tenendo fede ai principi costituenti del M5S ovvero onestà, legalità, uguaglianza di fronte alla legge anche degli appartenenti al “sistema” di cui ora il M5S fa parte.

Se non si concederà l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini, magari convinti dalla suadente quanto contorta difesa d’ufficio pubblicata sul blog delle stelle, palesemente schierato contro la stessa, il M5S si trasformerà definitivamente in un partito autoreferenziale, attaccato allo scranno, dunque uguale a tutti gli altri.

Per quanto sopra, domani voterò a favore dell’autorizzazione a procedere del tribunale dei ministri, dunque, secondo quanto formulato dal quesito pubblicato sul blog delle stelle voterò “NO” nonostante sia consapevole che la magistratura non sia totalmente impermeabile alle manipolazioni politiche; voterò “NO” nonostante vi sia il rischio della caduta di un governo innaturale retto da un “compromesso” che rischia di spazzare via un movimento che ho contribuito, nel mio piccolo, a far crescere; voterò “NO” perchè se la politica è l’arte del compromesso è pur vero che ogni compromesso ha un limite!

* * * * *

Si riporta, di seguito, il quesito:

Il ritardo dello sbarco della nave Diciotti, per redistribuire i migranti nei vari paesi europei, è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato?
 – SI, per NEGARE l’autorizzazione a procedere.
 – NO, per CONCEDERE l’autorizzazione a procedere.

Le votazioni saranno aperte su Rousseau lunedì 18 febbraio dalle 10.00 alle 19.00.