AEREI CHE NON VOLANO II – Ministro Pinotti non risponde sulle responsabilità

Nella giornata del 1° dicembre 2014 è arriva la risposta del Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, in merito all’interrogazione  su una delle vicende più lette e più seguite su questo blog. Si torna a parlare, dunque, dell’aeroporto “Enrico Comani”, scalo militare collocato sulla piana pontina ai piedi dei Monti Lepini, e della flotta inutilizzata di 30 aerei SF260EA della scuola di volo dell’Aeronautica.

Aerei SF 260EA

Aerei SF 260EA

La risposta recita questo:

“Il velivolo SF260EA, dal momento del suo ingresso in linea avvenuto nel 2005 e sino al 2013, non ha mai evidenziato problematiche di rilievo, soddisfacendo efficacemente, con più di 37.000 ore di volo, l’esigenza operativa dell’addestramento basico a favore degli Allievi Piloti e Navigatori dell’Aeronautica Militare. A causa di alcune problematiche relative al processo di controllo di qualità di alcune componenti dell’impianto di alimentazione motore, evidenziate nel corso del mese di settembre del 2013 dalla ditta costruttrice, l’Aeronautica Militare ha sospeso a titolo precauzionale l’attività di volo sulla linea SF260EA. Ciò sia in ragione della delicatezza del ruolo svolto dal velivolo (selezione al volo di allievi pilota di recente incorporazione in Forza Armata), sia in relazione al fatto che si tratta di un velivolo monomotore. Contestualmente l’Aeronautica ha avviato, di concerto con la ditta costruttrice del velivolo, una campagna di prove finalizzate alla verifica del funzionamento del motore e all’individuazione delle eventuali soluzioni idonee alla rimessa inefficienza della linea stessa. Tale attività si è da poco conclusa e ha permesso di individuare gli accorgimenti tecnici necessaria rendere sicuro il funzionamento del motore del velivolo SF260EA. Sono attualmente in corso azioni indirizzate al recupero della funzionalità della flotta di velivoli in questione. Nonostante questo inconveniente, la Scuola di Volo di Latina non ha mai interrotto la sua operatività, continuando a svolgere con piena efficacia l’attività  di selezione al volo a favore degli Allievi dell’Accademia Aeronautica grazie all’impiego del velivolo S208“.

L’interrogazione era stata annunciata l’8 maggio 2014 dal Portavoce M5S al Senato Giuspeppe Vacciano, che insieme a Ivana Simeoni CristianIannuzzi (M5S Camera) avevano visitato l’aeroporto Comani il 26 maggio del 2014. L’atto di sindacato ispettivo, molto netto e conciso, poneva al Ministro tre domande:

  1. quali interventi di competenza intenda adottare al fine di ripristinare l’operatività della scuola di addestramento dell’aeroporto “Enrico Comani” di Latina;
  2. quali siano i motivi che, al momento dell’impegno di spesa, hanno reso impossibile appurare la reale idoneità del velivolo SF-260EA considerando che a parere degli interroganti, anche in relazione all’ingente importo investito, l’acquisto dovrebbe essere avvenuto con la messa in opera di tutte le più opportune verifiche tecniche;
  3. quali iniziative urgenti intenda assumere al fine di recuperare al più presto la piena funzionalità dei velivoli SF-260EA anche al fine di scongiurare l’acquisto di nuovi ed ulteriori aerei che vanificherebbe l’ingente investimento pubblico già assunto.

Leggendo la risposta del Ministro Pinotti e poi rileggendo le domande poste nel petitum dell’interrogazione, è lampante constatare che la domanda n. 2, con la quale si chiedeva se nell’impegno di spesa fosse prevista una valutazione tecnica del velivolo proposto alla Difesa dalla Alenia Aermacchi, è rimasta un quesito inevaso.

Quindi, si annuncia che si procederà con una nuova interrogazione, reiterando la questione “responsabilità” nella fase di acquisto della flotta di aerei che, a detta del 70º stormo dell’Aeronautica Militare, hanno avuto sporadici ma gravi problemi (spegnimento del motore in volo) sin dalle prime esercitazioni.

In conclusione, si ricorda che il 25 giugno del 2014 è stato depositato un’ulteriore atto di sindacato ispettivo sull’aeroporto Enrico Comani, con il quale si chiedono delucidazioni al Ministro della Difesa sulla reale proprietà del sedime su cui sorge l’aeroscalo, poiché l’Aeronautica ne colloca l’appartenenza alla Fondazione Caetani, mentre quest’ultima asserisce che, a seguito di un esproprio nei primi anni del secolo scors,o questo terreno sia proprietà dello Stato.

Link all’interrogazione n. 4-02184 dell’ 8 maggio 2014 sugli aerei SF260EA

Risposta all’interrogazione n. 4-02184 dell’ 8 maggio 2014 sugli aerei SF260EA

Link all’interrogazione n. 4-02390 del 25 giugno 2014 sulla proprietà dell’aeroporto Comani

Resoconto della visita dei Portavoce M5S all’aeroporto militare pontino del 26 maggio 2014

Posted on 2 Dicembre 2014, in Iniziative Locali, Interrogazioni and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink. Leave a Comment.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *