CHI SEMINA RACCOGLIE!

Chi si ostina a paragonare tornate elettorali con ambiti territoriali disomogenei (nazionali con le regionali o addirittura le amministrative) e leggi elettorali differenti, è semplicemente ridicolo, oltre che intellettualmente disonesto.

Ciò, purtroppo, accade continuamente in particolare tra le elezioni nazionali e quelle regionali.

Detto ciò, in Abruzzo, nel 2014, il M5S aveva preso il 21,41%, ora è sceso intorno al 19,5%. Dunque nessun crollo del movimento come, invece, stanno urlando ai 4 venti le trombe mediatiche.
La Lega, unita al fronte di CDX, fagocitando politicanti e voti dell’ex galassia PDL ma anche del PD, continua la sua ascesa.

Ciò significa che gli elettori M5S abruzzesi non hanno recepito il lavoro politico dei “portavoce” regionali degli ultimi 5 anni e, probabilmente, non condividono, del tutto, la linea politica giallo/verde nazionale.

Il tutto, però, non si è trasformato in un vero e proprio voto di protesta ma, bensì, in astensione, aumentata di circa l’8%.

E mentre i grillini “innamorati” si accontentano con commenti tipo “… abbiamo comunque tenuto”, i fanatici si lasciano andare a commenti tipo “… e allora il PD?”.

Ma nel movimento del “cambiamento”
nessuno si chiede come mai, in 5 anni, il M5S in Abruzzo non sia minimamente cresciuto?

Nessuno si chiede come mai il movimento in Abruzzo sia calato, anche se di poco, nei consensi nonostante una campagna elettorale supportata dai suoi “VIP”?

La risposta è semplice, ma sgradevole alle orecchie di chi non accetta l’idea di una sana autocritica!

Il risultato elettorale regionale conferma che il Movimento ha esaurito la spinta propulsiva che gli garantiva la rete.

Inoltre, non avendo investito nei territori e negli attivisti continua a soccombere davanti alle reti clientelari, alle coalizioni partitocratiche e paraciviche, ai portatori di voto.

Il movimento sta arretrando, invece di avanzare, sia nelle competizioni elettorali regionali che amministrative perché non è più visibile ne credibile a livello territoriale.
I Meetup sono morti o se non lo sono, di massima, assomigliano ormai a delle bocciofile.

Gli attivisti (il motore del M5S nei territori) stanno diminuendo in maniera sensibile poiché non sono più disposti a spendere tempo e risorse personali con il rischio di non essere politicamente legittimati, quando va bene, e/o lasciati alla mercé di esposti e intimidazioni varie, quando va male.

Gli attivisti non sono più disposti a farsi linciare da arrivisti e detrattori vari, o censurare da presunti referenti o “portavoce” con poteri di veto.

Del resto, perché ci si dovrebbe esporre per portare acqua a dei “portavoce” sempre meno credibili, sempre meno presenti sui territori, sempre più autoreferenziali?

Questo, cari miei pentastellati, è solo un piccolo assaggio dello Tsunami (lo ricordate?) che, come un boomerang, investirà il M5S alle prossime tornate elettorali se non si correrà subito ai ripari.
* * * * *
Gian.Bo

Posted on 11 Febbraio 2019, in Blog. Bookmark the permalink. Leave a Comment.

Comments are closed.