Blog Archives

L’assessore Costanti e la realtà sottosopra

Pur comprendendo le difficoltà della nuova amministrazione, che ha ereditato macerie dalle precedenti amministrazioni, sorge il dubbio, leggendo il report annuale dell’assessore all’Agricoltura Felice Costanti (qualche giorno fa ci chiedevamo se Latina avesse o meno un assessore all’Agricoltura), se ciò che un comune cittadino vede sia filtrato dalla malafede – il sindaco Coletta sostiene di voler accettare solo le critiche costruttive, sperando che non istituisca una Commissione per decidere quali siano costruttive o meno – oppure se i novelli governanti non siano affetti da una sindrome comune a molti dei politici italiani: affermare cose che semplicemente non esistono e credere alle loro stesse affermazioni.
In piena emergenza idrica, riluttanti agli inviti degli agricoltori pontini, senza che l’assessore Costanti abbia mostrato non tanto un accenno di soluzione (non è propriamente e completamente nelle sue competenze), ma quantomeno un barlume di solidarietà (pare che abbia messo a disposizione un questionario per gli agricoltori colpiti che non ha avuto affatto la giusta pubblicizzazione a differenza di tante altre facezie: leggere alla voce Parco Comunale o le deliranti frasi del segretario di LBC sulla candidata a sindaco di Sabaudia, Giada Gervasi), si può scorgere nel report pubblicato sul sito del Comune di Latina qualcosa che salta agli occhi e che, a dir la verità, li fa strabuzzare.
Di seguito il link dove è possibile leggere il report per intero.
Dopo un’articolessa francamente noiosa ma sicuramente necessaria nelle intenzioni dell’assessore con deleghe importanti (Attività Produttive – Agricoltura Caccia e Pesca, Artigianato, Commercio, PMI, Turismo; Servizi per lo Sviluppo Economico; Sostegno all’occupazione e al mercato del lavoro), è possibile leggere una frase che, servendosi di una circonlocuzione da far impallidire nella tomba il fu onorevole Aldo Moro, ci informa che: “Tra tante complicanze e difficoltà pregresse, seppur con lentezza, si intravede la positiva risoluzione dei problemi: un’ordinanza balneare più flessibile, la destagionalizzazione meglio definita nei suoi limiti e pur tra contrapposte esigenze dei diversi portatori d’interessi divergenti, mentre i primi chioschi vengono finalmente aggiudicati e la stagione balneare faticosamente prende il via”.
 
Dunque, la destagionalizzazione, i chioschi e la stagione ha preso il via. L’avverbio “faticosamente” fa tutta la differenza del mondo nelle intenzioni di chi ha vergato questo mini libello o serve per pararsi dalle critiche non costruttive?
 
Un consiglio costruttivo, preferiamo comunque offrirlo: al di là di autobandiere blu grottesche o dichiarazioni lunari di consiglieri delegati al lido (leggere alla voce: la consigliera Ciolfi), è preferibile dire le cose come stanno, ossia che la stagione balneare non è iniziata “faticosamente”, ma ha lasciato in essere tutti i problemi annosi che si conoscono ed è inutile ricordare. È importante non esagerare negli auto-convincimenti, pena il rischio di resuscitare partiti o uomini politici che hanno lasciato una città indecorosa sotto tutti i punti di vista.
Attenzione, altrimenti poi va a finire che in una città così, un partito, invece di affrontare una volta per tutte una questione di legalità enorme, organizza convegni sulla legge Lazzati (la cosiddetta legge che introduce il divieto di attività di propaganda elettorale per i sorvegliati speciali, in particolare le persone indiziate di appartenenza alla malavita organizzata) e, magari, tra un po’ di tempo si proclamerà alfiere dell’antimafia.
È accaduto ieri, all’Hotel Europa: il partito era Fratelli d’Italia (avete capito bene!); la questione enorme, ovviamente, è il deputato Pasquale Maietta.
 
Peccato che a fare gli onori di casa ci fosse il sindaco Coletta.
Sperando di essere stati costruttivi.
È possibile leggere il report per intero qui.

La morale della convenienza

Ciò che spesso viene denunciato dal mondo 5 Stelle è la parzialità di giudizio dei partiti e degli organi d’informazione.
Ieri, 9 febbraio 2016, si è appreso dagli organi medesimi che il sindaco di Formia Sandro Bartolomeo del PD comparirà (a luglio di corrente anno) di fronte al Gup per i reati di abuso d’ufficio e voto di scambio.
Il giudice dell’udienza preliminare dovrà decidere se rinviarlo a giudizio o meno.
Fin qui, nulla di nuovo: l’ennesimo amministratore di un partito impelagato, nell’esercizio della sua funzione di candidato e poi sindaco, in vicende da codice penale; è coinvolto nell’assegnazione di un appalto per la pulizia delle spiagge riconosciuto a una società: vengono contestati a Bartolomeo l’elusione delle norme e un favore al titolare in cambio di appoggi elettorali.
Per carità, sicuramente Bartolomeo dimostrerà la sua innocenza e non verrà rinviato a giudizio ma il punto non è evidentemente questo.

Per settimane, è stato preso a pretesto Quarto per evidenziare la supposta inadeguatezza del Movimento 5 Stelle: opinioni stentoree e inappellabili che ne decretavano la fine ingloriosa e, persino, l’impossibilità per qualunque amministrazione pentastellata di essere seria, onesta e slegata dai supposti “ukase” del Blog.  Continua a leggere